post

Milano non passa, Cittadella ferma i Campioni d’Italia

Impresa compiuta: Cittadella ferma i campioni d’Italia del Milano Quanta, superandoli di misura e riapre la corsa scudetto, dimostrando che sconfiggere i lombardi non è mai cosa facile, ma non è neppure impresa impossibile.
5-4 il risultato finale del match, che ha visto le due formazioni inseguirsi rete dopo rete, fino alla marcatura decisiva di Tombolan.
Ancora privo di Chelodi e senza Sica, fermo per un problema alla caviglia e Tommasello, alle prese con un prese alla spalla, il Cittadella ha dimostrato, se ancora ce ne fosse bisogno, che la sua forza sta del gruppo.
«Abbiamo disputato la partita perfetta – commenta coach Pierobon- chiunque sia sceso in pista ha dato tutto quello che poteva dare. Abbiamo giocato alla grande fin dal primo minuto, giocando con la giusta mentalità e senza mollare nemmeno un attimo e siamo riusciti a portare a casa una partita che, alla vigilia, pareva impossibile».

Davanti al pubblico della grandi occasioni, i granata sono partiti in salita, dovendo rincorrere il vantaggio ospite realizzato da Mantese. A firmare l’1-1 è Virzi, mentre ci pensa Spain a portare in vantaggio i padroni di casa. Torna tutto in parità grazie a Barsanti che sigla il 2-2, ma i granata non mollano e Dal Ben allunga sul 3-2. La sfida è incredibilmente equilibrata tanto che arriva l’ennesimo pareggio firmato, questa volta, da Delfino. Ma non è finita: Spain realizza la personale doppietta e riporta in vantaggio i padroni di casa. Milano non molla e impatta sul 4-4 grazie a Bellini. L’incontro sembra destinato a finire in equilibrio ma arriva Tombolan a sparigliare le carte per il definitivo 5-4 tra l’ovazione del PalaHockey, strapieno al limite del possibile.

Una vittoria importante per il morale, quella contro Milano, ma anche per la classifica vista la sconfitta del Vicenza a Padova e la vittoria all’overtime di Verona con Asiago.
Proprio i vicentini saranno il prossimo avversario del Cittadella. Ma quella è un’altra storia, questa sera, ci sia consentito facciamo festa: sconfiggere i Campioni d’Italia non è certo cosa da tutti!